Sostegni a persone con disabilità gravissima (Misura B1)

Il sostegno definito “Misura B1” consiste nell’erogazione di un contributo mensile ed eventuale voucher sociosanitario a favore delle persone in condizione di non autosufficienza e gravissima disabilità.
La finalità è la promozione del benessere e della qualità di vita della persona in condizione di gravissima disabilità, assistita al proprio domicilio in un contesto più ampio di inclusione sociale.

Per il periodo di emergenza Covid-19 la domanda, sia in continuità che di primo accesso può essere presentata anche non “in presenza”, tramite e-mail e può essere presentata in forma semplificata, con allegati come di seguito indicato:

  • in caso di assenza di certificazione ISEE in corso di validità se, in possesso, l’ISEE dell’anno precedente e:
    – documento comprovante l’appuntamento presso il CAF;
    oppure
    – DSU rilasciata in attesa della certificazione ISEE definitiva.
  • in assenza di certificazione specialistica recente, comprovante la gravissima disabilità secondo quanto indicato nell’art. 3, comma 2, dell’Allegato 1) del Decreto FNA 2016:
    – solo per domande di primo accesso: documentazione sanitaria in possesso anche se “datata”, dalla cui descrizione clinica e funzionale emerge un quadro di gravissima disabilità accompagnata da una dichiarazione del medico curante che confermi la presenza dei requisiti clinici d’accesso alla misura;
  • in attesa del verbale dell’invalidità civile (INPS) comprovante il riconoscimento dell’indennità di accompagnamento:
    – informativa rilasciata dalla Commissione Invalidi della ASST a seguito della visita
    oppure
    – lettera di convocazione per la visita in Commissione Invalidi e
    – dichiarazione del medico specialista/medico curante che confermi la presenza dei requisiti clinici per il riconoscimento della indennità di accompagnamento.

Per tutti i casi sopra descritti, le domande dovranno essere accompagnate da una autodichiarazione – resa ai sensi del DPR n. 445/2000 – attestante l’impegno a produrre la nuova certificazione/documentazione appena in possesso e comunque entro i successivi 30 giorni dal rilascio.

 

A CHI RIVOLGERSI

All’ASST (Azienda Socio Sanitaria Territoriale) di residenza che, a seguito della presentazione di domanda di prosecuzione o nuovo accesso, effettua la valutazione multidimensionale della persona e predispone il relativo Progetto Individuale.

 

QUANDO

Le persone già in carico al 31/12/2020 dovranno presentare le domande per Misura B1 entro e non oltre il 28 febbraio 2021, le domande per il nuovo accesso alla misura possono essere presentate fino e non oltre al 30 settembre 2021.

 

 

 

Il modulo della domanda, aggiornato per il 2021, potrà essere recuperato sul sito istituzionale di Regione Lombardia e di ATS

Documenti