Insieme contro il Morbillo

Pubblicato il

Il morbillo, la parotite, la rosolia e la varicella sono malattie pericolose per tutti.

In tutto il mondo, e anche nel nostro Paese, stiamo assistendo ad un’emergenza Morbillo proprio nella fascia d’età dei giovani adulti, tra i 25 e i 30 anni. La malattia è molto pericolosa ad ogni età, ma l’età più critica è tra zero e un anno.

Vaccino

La vaccinazione nei bambini per queste malattie può essere effettuata solo dopo il compimento del 1° anno di vita. Quindi dalla nascita al primo compleanno tutti i neonati sono esposti a queste malattie che, se contratte nei primi mesi di vita, possono dare gravissime complicanze. La vaccinazione è un modo per proteggere tutti e creare una barriera di protezione intorno ai più piccoli.

La vaccinazione può essere Morbillo ParotiteRosolia – Varicella (MPRV) oppure Morbillo – Parotite – Rosolia (MPR) e prevede la somministrazione di 2 dosi.

Nei bambini la prima dose di vaccino contro MPRV viene offerta dopo il compimento dell’anno, la seconda dose in occasione del richiamo a 5-6 anni.

Nel 2019 verranno chiamati i bambini nati nel 2013.

Negli adulti le due dosi vengono effettuate con una distanza di almeno 1 mese.

È importante che tutti (i bambini che per qualche motivo non sono stati vaccinati, gli adolescenti non vaccinati, gli adulti), ricevano 2 dosi di vaccino MPR o MPRV (se non ricordano di aver contratto la varicella da bambini).

Per questo motivo viene offerta gratuitamente a tutti la possibilità di effettuare queste vaccinazioni.

Domande più frequenti:

Esistono i vaccini singoli? Io ho già fatto il vaccino anti-rosolia a scuola e vorrei fare solo il vaccino per il morbillo.

No, i vaccini disponibili contenenti il morbillo sono solo combinati. Esiste solo la varicella come vaccino singolo. I vaccini con morbillo sono il vaccino combinato  Morbillo Parotite Rosolia (MPR) e Morbillo Parotite Rosolia Varicella (MPRV). In ogni caso non c’è alcuna controindicazione a vaccinare una persona che era già stata vaccinata per la stessa malattia. La vaccinazione risveglia la memoria immunitaria già acquisita.

Io da piccolo ricordo di aver fatto la varicella, forse anche la rosolia. Non è pericoloso vaccinarsi in questi casi?

Il “ricordo” della rosolia non è attendibile in quanto l’esantema (le macchie sulla pelle) della rosolia sono molto simili ad altre malattie. Invece il ricordo della varicella ha un’ottima attendibilità in quanto le vescicole sono molto caratteristiche. Quindi se lei ricorda di aver già contratto la varicella, potrà optare per il vaccino MPR. Vale la pena ricordare che non è pericoloso vaccinarsi anche se è stata contratta la malattia, non è necessario alcun test sul sangue per valutare se è il caso di vaccinarsi o meno.

Io sto allattando il mio bambino, non è meglio aspettare che finisca l’allattamento? Non è pericoloso vaccinarsi in questi casi? Con il mio latte non lo proteggo abbastanza?

La sicurezza dei vaccini in allattamento è nota, quindi non è assolutamente il caso di aspettare. Inoltre è preferibile che l’allattamento si prolunghi il più possibile come valore per il neonato e per la mamma, quindi si arriverebbe comunque alla soglia dell’anno di vita. Il latte materno, fondamentale per le difese immunitarie del neonato, è una barriera ottima ma non specifica, non protegge contro infezioni gravi come il morbillo.

Se le malattie più pericolose sono il morbillo e la varicella, perché devo fare anche il vaccino per la rosolia e la parotite?

La rosolia non è una malattia particolarmente grave, però la rosolia in una donna gravida può essere devastante per il feto causando la sindrome della Rosolia Congenita. Quindi è importante che adulti e bambini siano vaccinati per proteggere tutte le mamme da questi pericoli. La parotite, se contratta nei primi anni di vita, ha una percentuale di complicanze neurologiche di rilievo.

Io sono allergico a diversi pollini, forse anche ad alcuni alimenti. Posso vaccinarmi?

L’allergia stagionale non ha alcuna interferenza con i vaccini e pertanto non vi sono controindicazioni. Anche le allergie alimentari non controindicano il vaccino, le uniche controindicazioni per questi vaccini sono:

  • Stato di grave immunodepressione
  • Gravidanza
  • Storia di grave reazione allergica (shock anafilattico) ad uno dei componenti del vaccino

 

Documenti

Servizi correlati